TOPOLOGIA DELLA VIOLENZA

18.00

Autore: BYUNG-CHUL HAN
Editore: NOTTETEMPO
ISBN: 9788874527977

2 disponibili (ordinabile)

COD: 9788874527977 Categoria:

Descrizione

Il punto di partenza dell’analisi che Byung-Chul Han sviluppa in questo saggio è la natura proteiforme della violenza: cambia aspetto, si adatta alla logica e alle modalità del contesto sociopolitico in cui si sviluppa e, soprattutto, agisce anche laddove sembra essere sparita. L’esame parte dalla violenza nelle sue manifestazioni macrofisiche: quella del sangue e del sacrificio, della vendetta divina, del sovrano sul sottoposto, quella senza sangue delle camere a gas, quella del terrorismo, quella del linguaggio offensivo. In questo senso essa è espressione di un ‘eccesso di negatività’: è infatti possibile esclusivamente dove c’è antitesi, conflitto, tensione bipolare tra un Ego e un Alter, un Interno e un Esterno. Nell’epoca odierna, con la progressiva ‘positivizzazione della società’ ? ovvero lo smantellamento della negatività e della contrapposizione e l’appiattimento delle differenze ? anche la violenza sembra svanire, almeno nelle sue forme visibili, tangibili, corporee. Ma quello a cui assistiamo, sostiene il filosofo, è in realtà un suo trasferimento sul piano psichico, all’interno del soggetto. È, quella odierna, una violenza microfisica, sottocutanea, un pericoloso ‘eccesso di positività’ che si manifesta ‘in termini di sovrapprestazione, sovrapproduzione e sovracomunicazione, iperattenzione e iperattività’, fondendosi e confondendosi con la sua controparte: la libertà. Nella società della prestazione il soggetto, formalmente libero, è vittima di se stesso e delle pulsioni che ha ormai introiettato. ‘La storia della violenza,’ conclude Han, ‘giunge a compimento in questa coincidenza tra carnefice e vittima, tra signore e servo, tra libertà e violenza’.